Borgo Campidoglio

Il Borgo Vecchio Campidoglio, un piccolo paese nella città, dove l’arte è appesa alle facciate delle case.

Un quartiere operaio nato a metà dell’Ottocento tra i corsi Svizzera, Appio Claudio e Tassoni, con case basse e tranquille stradine in cui sembra di rivivere l’atmosfera di un Piemonte d’altri tempi, passeggiando tra boite, botteghe artigiane, osterie e gallerie d’arte.

Qui la gente siede ancora nei cortili delle case e per le vie acciottolate è possibile imbattersi in personaggi ed attività curiose, come la ciclo officina letteraria o l’Associazione dei sardi di Torino.

borgo campidoglio torino

Dall’inizio degli anni ’90, le facciate del Borgo Campidoglio ospitano le opere d’arte del MAU, Museo di arte urbana: il primo museo di arte contemporanea all’aperto in un centro urbano in Italia.

campidoglio

Un vero e proprio museo a cielo aperto visitabile gratuitamente con oltre 140 opere realizzate sulle facciate degli edifici del Borgo: murales, finestre, cancelli, teche, installazioni, anche le panchine qui sono d’autore: in piazza Moncenisio potete scegliere di sedervi su quella decorata alla Mondrian, quella di Keith Haring, quella di Picasso o quella alla Wahrol.


campidoglio1
  campidoglio3

Borgo Campidoglio MAU

Per osservare tutte queste opere non è necessario il biglietto, basta camminare e alzare lo sguardo sulle facciate delle case alla ricerca di un pezzo d’arte.

Ratatui borgo campidoglio torino

Ideale per una sosta ristoratrice il pergolato del ristorante Ratatui in via San Rocchetto (nella foto), ex sezione del PCI. Alternativa per chi ama la pizza al padellino: Cecchi in via Nicola Fabrizi, una minuscola e storica pizzeria che serve una delle migliori farinate di Torino.

Copyright TOlove Amare Torino dal 2004 | info@tolove.it | Privacy policy