Torino e Mollino descritti da Domus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un articolo uscito su Domus su Carlo Mollino

Torino è una strana città.

Può essere vista come una città grigia fatta di fabbriche e ciminiere.

O come una città barocca, ricca di piccole piazze con caffè e pasticcerie che profumano sempre di cioccolato.

Molti la pensano come una città chiusa, ripiegata in se stessa, inevitabilmente provinciale, anche se produttiva. Ma è proprio questo suo carattere, questa sua vocazione, che la rende ideale per essere una città-laboratorio.

Un luogo dove si sperimenta e si reinventa (e si esporta) tutto.

Il cinema, la moda, il design, le correnti di pensiero filosofico, l’arte d’avanguardia. Spesso, a prevalere, è la regola ferrea dell’understatement torinese (o più banalmente quella del “nemo propheta in patria”), e questo spiegherebbe perché anche un grande come Carlo Mollino, celebrato a New York, a Berlino, a Parigi, ancora oggi nella sua città viene considerato come un’anomalia.

Carlo Mollino. Interni in piano-sequenza, Manolo De Giorgi, Abitare Segesta Edizioni, Milano 2004

 

Copyright TOlove Amare Torino dal 2004 | info@tolove.it | Privacy policy